Tra le due operazioni intercorrono, però, alcune differenze.

In primo luogo, l’utilizzazione interessa nella maggior parte dei casi il personale docente che si ritrova in esubero o risulta soprannumerario in una scuola. Anche l’ufficio scolastico competente può disporre tale movimento: in questo caso, quindi, l’utilizzazione può anche non essere volontaria, ma d’ufficio: se durante la fase di mobilità il docente soprannumerario o in esubero non è riuscito ad ottenere una nuova sede di titolarità, infatti, dovrà per forza di cose svolgere servizio in una scuola a partire dall’anno scolastico successivo e se tra le preferenze espresse non vi sono disponibilità, l’UST disporrà il docente in un istituto in cui vi è un posto disponibile, anche se non indicato dal docente.

Al contrario, l’assegnazione provvisoria è esclusivamente un movimento a richiesta su cui si è accontentati solo se in presenza di cattedra o posto disponibile tra le preferenze espresse: pertanto non esiste un’assegnazione provvisoria d’ufficio.

Tra assegnazioni provvisorie e utilizzazioni vi è un’altra importanza differenza che riguarda il punteggio di continuità: l’assegnazione interrompe la continuità, determinando la perdita di tutto il relativo punteggio maturato precedentemente nella scuola di titolarità; l’utilizzazione, invece, non interrompe nessun punteggio, che continua pertanto a maturare come se si perpetuasse il servizio svolto sullo stesso posto della scuola in cui si è titolari.

 

Domanda di assegnazione provvisoria 2022

Come sappiamo, dopo le pressioni dei Sindacati, si è giunti in fretta e furia ad un’intesa che, di fatto, ha prorogato il CCNI 2019/22 di un altro anno: questo prolungamento ha portato all’abolizione dei vincoli di permanenza nella scuola di titolarità, permettendo a tutti i docenti a tempo indeterminato di poter presentare domanda di assegnazione provvisoria per il prossimo anno scolastico 2022/23, sia a livello provinciale che interprovinciale.

Resta aperta solo la questione relativa ai docenti neo immessi a settembre 2021 dalla I fascia delle GPS, per cui si attendono chiarimenti in merito da parte del Ministero.

Tutti i docenti interessati dovranno presentare istanza attraverso il portale di Istanze Online, tramite le proprie credenziali SPID. Il docente interessato può inoltrare domanda per una sola provincia, per il posto/classe di concorso in cui è titolare o diverso se in possesso della relativa abilitazione, dello stesso grado di istruzione o per un grado diverso solo se per questo abilitato.

Chiarimenti sulle preferenze esprimibili

Il docente che presenta domanda di assegnazione provvisoria per il prossimo anno scolastico 2022/23 può esprimere come sempre delle preferenze, fino ad un massimo di 20 per la scuola dell’infanzia e primaria, e 15 per i docenti della scuola secondaria di I e II grado. Può scegliere se indicare preferenze analitiche relative alla scuola, o sintetiche per comune, distretto e provincia.

Come per gli altri anni, se il docente produce domanda per ricongiungersi ad un proprio caro (genitori, figli, coniuge, convivente, parte dell’unione civile), come prima preferenza deve indicare il Comune di ricongiungimento (vale a dire quello in cui risiede, da almeno tre mesi, la persona con cui ci si vuole ricongiungere), o il distretto sub comunale o un’istituzione scolastica ivi compresa. Precisiamo che ciò che conta è la residenza della persona con cui ricongiungersi, non quella del richiedente.

Nel caso in cui nel Comune di ricongiungimento non vi siano preferenze esprimibili, in assenza della scuola o della classe di concorso per cui il docente può presentare domanda, l’interessato dovrà indicare un istituto di un Comune viciniore o una scuola che abbia un plesso o una sede nel Comune di ricongiungimento. Se non si indica il Comune o il distretto sub comunale di ricongiungimento, la domanda non si annulla, ma sarà ritenuta valida solo per le preferenze analitiche su specifiche scuole del Comune di ricongiungimento e per la stessa c.d.c. o posto di titolarità.

FONTE: “Scuolainforma”

ARTICOLI DI: Lara Sardi

19/6/2022 e 20/6/2022