___NOTIZIA IN EVIDENZA_____BROADCAST__Bonus

Assegno Unico 2023 – Cosa fare

Tutti coloro che già beneficiano dell’Assegno unico devono, entro il 28 febbraio 2023, presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica al fine di ottenere l’Isee aggiornato all’anno corrente, in quanto dal 1° marzo 2023, inizierà la nuova annualità di erogazione dell’Assegno unico e l’importo mensile sarà determinato in base all’Isee 2023.

“In mancanza di questo dato spetterà comunque il sussidio ma sulla base degli importi minimi definiti dalla normativa e non in funzione della reale situazione economico-patrimoniale della famiglia”.

Pertanto bisogna provvedere con urgenza al rinnovo della DSU.

ATTENZIONE non sarà necessario rifare la domanda dell’Assegno Unico.

Il rinnovo della Dichiarazione Sostitutiva Unica al fine di ottenere l’Isee aggiornato all’anno corrente è possibile farlo o in autonomia con le proprie credenziali SPID sul portale dell’INPS (ecco il LINK), oppure recandosi presso un qualsiasi CAF.

Che succede se non rinnovo la DSU?

Se la DSU viene rinnovata entro il 30 giugno 2023, gli “importi eventualmente già erogati per l’annualità 2023 saranno adeguati a partire dal mese di marzo 2023 con la corresponsione degli importi dovuti arretrati” (Circolare Inps).

Se la DSU viene rinnovata dal 1° luglio 2023 in poi la prestazione viene calcolata con l’importo minimo spettante per i mesi antecedenti senza il diritto agli arretrati.

FONTE: “Infodocenti”

ARTICOLO DI: Giuseppe De Tullio

14/2/2023