__BROADCAST__Contratto scuolaPrecari

Nuovo CCNL: focus su ferie, permessi ed assenze per il personale a tempo determinato

 

L’art. 35 del CCNL 2019/2021 comparto scuola, nell’abrogare l’art. 19 del CCNL 29/11/2007, introduce delle disposizioni volte a regolamentare le ferie, i permessi e le assenze del personale scolastico con contratto a tempo determinato.

 

Ferie

Il personale scolastico con contratto a tempo determinato ha diritto a usufruire delle ferie proporzionalmente al servizio prestato; qualora non fosse possibile far fruire le ferie maturate vanno pagate al termine dell’anno scolastico e comunque al termine dell’ultimo contratto sottoscritto.

 

Assenza per malattia

In merito alle assenze per malattia il CCNL fa una distinzione tra il personale con contratto a tempo determinato al 31/8 e al 30/6 (cioè ANNUALE o FINO AL TERMINE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE) e il personale assunto per SUPPLENZE BREVI E SALTUARIE.

Primo caso:

  • il personale con contratto per l’intero anno scolastico, assente per malattia, ha diritto alla conservazione del posto per 9 mesi in un triennio scolastico. In ciascun anno scolastico la retribuzione spettante è corrisposta:
  • Per intero nel primo mese di assenza;
  • Al 50% nel secondo e terzo mese;
  • Per il restante periodo senza assegni con la conservazione del posto.

Secondo caso:

  • il personale con contratto per supplenze brevi nei casi di assenza per malattia ha diritto, nei limiti di durata del contratto medesimo, alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 30 giorni annuali per ciascun anno scolastico, retribuiti al 50%.

Le suddette assenze non interrompono la maturazione dell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.

 

Assenza per lutto

Il dipendente ha diritto a tre giorni di permesso retribuito per lutto per perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado, del convivente o di soggetto componente la famiglia anagrafica e di affini di primo grado. I giorni di assenza per lutto sono computati nell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.

 

Assenza per matrimonio

Il personale ha diritto entro i limiti di durata del rapporto, ad un permesso retribuito di 15 giorni consecutivi in occasione del matrimonio. I giorni di assenza per matrimonio sono computati nell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.

 

Assenze per motivi personali o familiari

Anche in merito alle assenze per motivi personali o familiari il CCNL fa una distinzione tra il personale con contratto a tempo determinato per l’intero anno scolastico e il personale assunto per supplenze brevi e saltuarie.

  • Per il personale con contratto a tempo determinato al 30/6 o 31/8, cioè per l’intero anno (insegnanti di religione cattolica compresi), il contratto afferma che gli stessi hanno diritto, a domanda, a tre giorni di permesso retribuito nell’anno scolastico, per motivi personali o familiari, documentati anche mediante autocertificazione;
  • Per il personale in servizio per supplenze brevi e saltuarie sono attribuiti permessi NON retribuiti fino ad un massimo di sei giorni ad anno scolastico per i motivi previsti dall’art.15, comma 2 del CCNL 29/11/2007 (cioè motivi personali o familiari documentati anche mediante autocertificazione).

In entrambi i casi, detti motivi non devono essere per forza “gravi”: accompagnare un familiare ad una visita medica, presenziare al matrimonio del migliore amico o al saggio di danza della nipotina, assistere fuori città ad uno spettacolo teatrale o al concerto del proprio cantante preferito… rientrano a pieno titolo tra i motivi personali o familiari, perché rappresentano situazioni di interesse per le quali il dipendente ha un giovamento in termini di benessere per sé o i propri cari.

 

Concorsi ed esami

Al personale docente, assunto con contratto a tempo determinato, compresi i docenti di religione cattolica, sono inoltre concessi permessi non retribuiti, per la partecipazione a concorsi od esami, nel limite di otto giorni complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio.

 

FONTE: “La Tecnica della Scuola”

ARTICOLO DI: Francesco Di Palma

27/1/2024